lampedusa immersioni, lampedusa immersioni, lampedusa immersioni

Lampedusa Immersioni

L’arcipelago delle Isole Pelagie offre uno dei più importanti patrimoni per quanto riguarda il “mondo” sommerso. Le Isole Pelagie rappresentano infatti un tesoro ambientale ineguagliabile nello scenario delle Aree Marine Protette italiane. Le acque costiere sono molto limpide e la visibilità sott’acqua può raggiungere 50 metri; per questo motivo le Pelagie sono molto ambite dai subacquei e anche dagli appassionati di snorkeling.
La Spiaggia dei Conigli a Lampedusa e la Pozzolana di Ponente a Linosa sono siti di regolare ovodeposizione di Caretta Caretta, la tartaruga marina più famosa nel Mediterraneo. E’ una specie protetta ed inclusa nella lista rossa dell’ IUCN.
Nel periodo estivo le femmine risalgono le spiagge sabbiose durante la notte per deporre le uova che rimarranno “custodite” sotto la sabbia per 45-60 giorni prima della schiusa.
La fauna a cetacei in queste isole ha una grande importanza per il numero di specie che le abitano. Nelle acque costiere vive una popolazione stanziale di delfino Tursiops truncatus, e sono presenti altre specie di delfino come Delphinus Delphis (delfino comune) e Stenella coeruleoalba (stenella).
Nel periodo tra Marzo e Aprile, la balenottera comune si avvicina in gruppi alle coste delle isole per nutrirsi dei banchi di piccoli crostacei che sono l’elemento fondamentale della sua dieta. Molto comuni nei mari delle Pelagie sono i pesci di grossa taglia come le cernie, le leccie stelle, le ricciole e pesci di tana come murene e gronghi. In queste acque si trovano anche dentici ed i pesci civetta. In profondità le pareti rocciose sono colonizzate da bellissimi spirografi, ricci diadema, falsi coralli e madrepore cuscino e abitate da magnose, aragoste.
Il paesaggio subacqueo delle Pelagie è caratterizzato da vaste praterie di fanerogame marine come Posidonia oceanica. In questa zona del Mediterraneo Posidonia oceanica forma praterie molto estese a partire da 3/4 metri di profondità; in alcune cale sabbiose del versante meridionale di Lampedusa il limite superiore delle praterie è a un metro di profondità.

Di seguito una mappa che indica i punti di immersione attorno l’isola.

I Siti di Immersioni nel dettaglio

Scoglio Panettone LampedusaPanettone

Questo soglio dista un centinaio di metri dall’Isola dei Conigli, è facilmente raggiungibile, infatti, è molto frequentato dai vari Diving Center presenti sull’isola.

Caratteristiche:
Difficoltà: bassa.
Profondità: 20 metri.

Madonna del Mare LampedusaMadonnina

Questo sito di Immersione si trova di fronte la Spiaggia dei Conigli, è uno dei più semplici da fare e consiste nel andar a visitare questa particolare Statua che giace sul fondo ormai da anni.

Caratteristiche:
Difficoltà: bassa.
Profondità: 18 metri.

Punta Javuta Immersioni LampedusaPunta Javuta

Il sito di Immersione sorge poco dopo Punta Sottile e dista pochi minuti di navigazione dal porto.

Caratteristiche:
Difficoltà: Bassa.
Profondità: 15 – 21 metri.

Punta Parrino LampedusaPunta Parrino

Questo sito di Immersione, si trova sul tratto di mare che bagna la costa esposta ad Est dell’isola. Di solito l’Immersione a Punta Parrino, vista la profondità e la lunghezza, viene divisa in due immersioni.

Caratteristiche:
Difficoltà: Media.
Profondità: dai 25 ai 33 metri.

Scoglio Fortuna Lampedusa ImmersioniScoglio Fortuna

Sorge un pò più avanti dello Scoglio Panettone, questi due magnifici scogli, definiti “della fortuna”, sembrano poggiati sulla sabbia che li circonda. L’aggiunta del blu dell’acqua lo rende uno dei punti di immersioni più belli di Lampedusa.

Caratteristiche:
Difficoltà: Media.
Profondità: 38 metri.

Capo Grecale SudCapo Grecale Sud

Sorge sul versante sud/est di Capo Grecale questo magnifico anfiteatro, al centro del quale dei grossi massi sono la dimora abituale di alcune cernie, saraghi e cicale.

Caratteristiche:
Difficoltà: Media.
Profondità: 28 metri.

Capo Grecale NordCapo Grecale Nord

Questo sito di Immersione abbraccia una vasta area, dunque verrà visitato in più immersioni. Sorge a Nord/Est di Capo Grecale.

Caratteristiche:
Difficoltà: Media.
Profondità: 38 metri.

Scoglio PignataScoglio Pignata

Lo Scoglio Pignata sorge sotto un’alta parente rocciosa presente di fronte “Le Corna”, tratto di costa a Nord-Ovest dell’isola.

Caratteristiche:
Difficoltà: Media.
Profondità: 28 metri.

Punta CappellonePunta Cappellone

Punta Cappellone è una delle immersioni più particolari. Situata sul versante nord dell’isola, dove le pareti calano a picco sul mare offre tuffi nel blu, risalite all’interno di sifoni e passeggiate in particolari laghetti sottomarini.

Caratteristiche:
Difficoltà: Media.
Profondità: 40 metri.

Taccio Vecchio LampedusaTaccio Vecchio

Questo particolare punto offre Immersioni in grotta, dallo scenario unico, il tutto condito con giochi di luce e bolle d’aria che filtrano dal soffitto della grotta creando sempre nuove emozioni.

Caratteristiche:
Difficoltà: Media.
Profondità: 22 metri.

Grotta Santa LampedusaGrotta Santa

Sul versante Nord dell’isola, tra Taccio Vecchio e Punta Cappellone sorge questa meravigliosa grotta. Questo sito non è molto ricco di pesci ma offre ai subacquei davvero un bel vedere.

Caratteristiche:
Difficoltà: Alta.
Profondità: 26 metri.

Immersioni a LinosaImmersioni a Linosa

L’isola  di Linosa, come ben sapete di natura vulcanica, offre un panorama subacqueo praticamente unico nel suo genere. Una attenzione particolare meritano le Immersioni della Secchitella. Da inserire sicuramente tra le immersioni più belle del mondo e tra le prime dieci del Mediterraneo.
Caratteristiche:
Difficoltà: Alta.
Profondità: dai 38 ai 45 metri.

Escursione a LampioneImmersioni a Lampione

Lampione, situato a 9 miglia ad Ovest di Capo Ponente e a 14 dal porto, è la più piccola isola dell’arcipelago delle Pelagie. Di natura geologica pressoché uguale a quella di Lampedusa, offre delle magnifici immersioni a tutti i subacquei che lo visitano.

Caratteristiche:
Difficoltà: Alta.
Profondità: dai 35 ai 45 metri.

Immersioni ultima modifica: 2016-02-11T21:39:47+00:00 da Francesco Pavia